Contributi

Irrispettosi nei confronti di noi stessi e degli altri

di Alessandro Bolzonello 19 gennaio 2015

432384774_853bb14c79_n
Sullo sfondo delle stragi di Parigi si sta assistendo ad un festival di manifestazioni che ruotano attorno a tre concetti: blasfemia, fanatismo e ipocrisia.
Istanze che nei loro estremismi si coniugano rispettivamente con la dissacrazione di tutto e tutti, la soppressione del diverso, la falsità attraverso l’adozione di posizioni per pura opportunità.
Lo specifico caso francese è plateale e scenico, ma soprattutto è rappresentativo dei tratti profondi della cultura contemporanea: attaccare l’altro per pura provocazione, giudicare “sbagliato” chi pensa diversamente, assumere posizioni “perché si fa così” oppure per mero interesse personale. Insomma, i recenti eventi evidenziano fondamentali istanze dell’attuale “essere e agire” che, benché portatrici di prepotenza e sopruso, sono considerate per lo più legittime.
Sono convito infatti che essere liberi non significhi poter dire qualsiasi cosa; sono convinto che aderire a dei precetti sia un errore se conduce alla delegittimazione dell’altro; sono inoltre convinto che mentire, consapevolmente o meno, sia un vero e proprio tradimento. Tutte violenze verso gli altri e verso se stessi.
Il tema sotteso ha quindi a che fare con l’approccio verso l'”altro” e la “diversità”.
Sono dell’idea che la cultura contemporanea non sia rispettosa dell'”altro”: prevale l’esigenza di dimostrare, a se stessi e agli altri, che “si esiste”, insomma che “si è al mondo per qualcosa”. I diffusi comportamenti violenti, insomma, evidenziano la fragilità dell’uomo, spesso la sua profonda inconsistenza.
Sento il dovere di denunciare tale violenza, di contestare cioè ogni assolutismo, ogni posizione che abbia come implicito la presunzione di verità. Nessuno ha il diritto di dire e fare ciò che vuole, al limite può esprimere prudentemente un pensiero e un’opinione con la chiara e forte consapevolezza dell’irriducibilità della propria partigianeria, quindi dell’essere meri portatori di un punto di vista.
Solo questa posizione è legittima.
Pubblicato su Invito a …

- ha scritto 28 contributi su Bloom!.

Economista e psicosocioanalista. Si occupa di personale in una azienda informatica. Cultore dell’essere umano e delle sue vicende. Ha avuto la possibilità di aprire naso, occhi ed orecchi di fronte alla vita, ancor più in un contesto, quello attuale, in piena mutazione, con-fusione, dove alla degenerazione si intreccia la rigenerazione, alla barbarie la genialità. Fin dove può, prova a 'tenere dentro' tutto quello che c'è, con la convinzione che l'esistenza di una 'cosa' oppure di un 'fenomeno' non sia mai un caso. Ritiene questa posizione liberante: elimina la categoria dell' 'assurdo', del 'non senso' ed apre al 'possibile', al 'nuovo'.

© 2017 Bloom!. Powered by WordPress.

Made by TOCGRS from the great Daily Edition Theme