Contributi

Stati Generali delle Donne: nomi altisonanti, istituzioni, e forse qualche spazio

di Luisa Pogliana 06 maggio 2015

Dire cosa sono gli Stati Generali delle Donne non è semplice. Approssimativamente: hanno origine dalla convocazione fatta dall’ONU della Conferenza delle Donne a Pechino nel 1995. Più precisamente, l’iniziativa era centrata sulla ‘uguaglianza’, sulla necessità di ridefinire i rapporti sociali tra donne e uomini. Ne uscì una Piattaforma di Azione’ su varie aree, impegnando i governi a “tenere conto della dimensione sessuale nelle loro decisioni”.

Ora si sta preparando un seguito di quella conferenza. Con raccolta di analisi e soprattutto proposte da molti paesi. Tra i quali l’Italia. Il processo è piuttosto istituzionale e abbastanza burocratico. Quello che succede di fatto, comunque, è che molte organizzazioni di donne o istituzioni che di questi temi si occupano -le Pari Opportunità-, con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico hanno organizzato incontri per raccogliere indicazioni di problemi e proposte. Quanto emerso dalle varie regioni verrà presentato durante un evento in EXPO a settembre, e procederà poi verso la conferenza.

Anche Donnesenzaguscio è stata contattata. Ci è stato chiesto di segnalare uno dei nostri temi e fare una proposta, che possa essere sostenuta dalle istituzioni. Ma niente relazioni, analisi del problema, spiegazioni della proposta. Solo un enunciato e una proposta, in pochissimi minuti.

La prima risposta perplessa è stata no, anche perché il nostro modo di lavorare è lo scambio con altre donne, per confrontarci e far circolare le nostre esperienze innovative in azienda. Non aspettiamo cambiamenti da vie istituzionali.

Poi abbiamo pensato che è sempre uno spazio dove ad altre donne può arrivare la nostra riflessione, aprire la possibilità di un incontro specifico. Per il nostro modo di agire la cosa più difficile è proprio questa: arrivare ad altre donne manager, conoscere le loro storie e rifletterci insieme. Perché queste donne lavorano moltissimo -azienda e resto della vita- e spesso non pensano nemmeno di avere esperienze interessanti da raccontare. Altre associazioni di donne nel management si muovono con altri obiettivi, c’è poca permeabilità. E noi non siamo un’associazione con potenti mezzi.

Dunque porteremo la nostra proposta agli Stati Generali della Lombardia1 e cominciamo a farla conoscere qui. Sembra una coccinella nella foresta, ma se qualcuno la vede può trovarla bella.

Donne nel management: nuovi orientamenti fuori dalle logiche di potere

Le aziende fino ad oggi si sono fondate su un modello di potere maschile, di comando, dominio e controllo. Ma in questa fase economica che richiede forte e rapida innovazione questo appare più che mai inadeguato: conserva lo statu quo e blocca lo sviluppo in nuove direzioni.
Molte donne manager sono invece entrate in ruoli decisionali alti senza adeguarsi a questa cultura, portando un loro punto di vista diverso. Hanno messo in atto una leadership più adatta a fronteggiare la realtà attuale: vedere in modo critico i modelli abituali, cercare strade nuove, far crescere la competenza delle persone, distribuire responsabilità invece di accentrare il potere, remunerare tutti perché tutti fanno i destini dell’azienda. Hanno così realizzato politiche innovative con effetti vantaggiosi per l’azienda e per chi vi lavora.

Spesso però queste manager si trovano ad agire in modo isolato. Appare dunque importante che più donne in questi ruoli possano prendere consapevolezza della portata di questi orientamenti diversi, scambiare con altre le proprie esperienze su come è possibile superare i modelli consolidati, passare da un modello di potere conservatore ad un diverso modo di governare le aziende verso possibilità nuove. Con la valorizzazione, crescita e responsabilizzazione di tutti i soggetti che fanno l’azienda .

A questo scopo proponiamo che la UE stanzi investimenti per favorire la creazione di communities di donne con ruoli manageriali, analoghe alle KIC (Knowledge and Innovation Community) create nell’ambito di Horizon 2020 -The EU Framework Programme for Research and Innovation. Lo scopo di queste communities è promuovere tra le donne nel management la conoscenza, la diffusione, l’elaborazione degli orientamenti innovativi dei progetti da loro realizzati, che hanno contribuito a cambiare la cultura aziendale con risultati fruttuosi. Chiamiamo queste KIC Women managing innovations.

- ha scritto 15 contributi su Bloom!.

www.donnesenzaguscio.it

© 2018 Bloom!. Powered by WordPress.

Made by TOCGRS from the great Daily Edition Theme