Contributi

Progetta la tua vita

di Daniela Rimicci 11 Febbraio 2014

INTERVISTA A JIMMY NARAINE, FONDATORE DI COOLifeDesign

A cura di Daniela Rimicci

Si parla di internazionalizzazione nelle organizzazioni da tempo nelle sue diverse accezioni. Ma credo il tema sia molto più ampio. L’internazionalizzazione può essere un’esperienza, di lavoro e di vita. L’assenza di confini territoriali mossa dal profondo desiderio di conoscere il mondo, le persone, stili di vita, inseguire e realizzare i propri sogni… Potremmo chiamarla ‘internazionalizzazione di se stessi’: essere cittadini del mondo disegnando passo dopo passo il proprio destino.

Lo scorso ottobre, durante un viaggio di lavoro ad Amsterdam, ho incontrato un ‘cittadino del mondo’ che ha costruito un lavoro disegnato a partire dal suo stile di vita e dai suoi desideri. Jimmy Naraine, fondatore di COOLifeDesign e coach vive, e lavora, così: ovunque. Insieme al suo team percorre il mondo in lungo e in largo. Viaggia di continuo. Realizza le riprese di video corsi che trasmette poi su una delle più importanti piattaforme di formazione online. Incontra persone, soprattutto manager, per delle sessioni di coaching di approfondimento.

Da dove provieni? Di cosa ti sei occupato?

Le mie origini sono per metà polacche e per metà sudamericane (del Guyana). Sono cresciuto in Polonia, ma dentro di me ho sempre desiderato diventare cittadino del mondo. Sentivo il bisogno di esplorare altri Paesi e abbracciare tutte le meravigliose opportunità che il nostro secolo ha da offrire. Questa mentalità mi ha permesso di sperimentare diversi, spesso contrastanti, contesti professionali. Da una business school britannica di primo piano a Goldman Sachs all’organizzazione di spedizioni di volontariato o conferenze b2b ad Amsterdam con base lavorativa a Budapest. Ho viaggiato e portato in giro per il mondo sessioni di coaching, e filmando corsi poi trasmessi online. È stato un viaggio pazzesco! Ciò che ha più valore nella vita è la libertà, di prendere le tue decisioni e direzionare la vita esattamente dove tu vuoi che vada.

Durante gli anni universitari continuavo a chiedermi: perché dovrei seguire le norme imposte dalla società? Studiare duramente, laurearsi, iniziare un lavoro pressoché gradevole, sposarsi, ottenere un mutuo, diventare manager, risparmiare denaro e andare in vacanza una o due volte l’anno e, infine, andare in pensione.
A seguito di alcuni eventi ho realizzato che la vita può finire in qualsiasi momento ed è importante ‘disegnarla’ consapevolmente per renderla degna di essere vissuta. La definizione ‘degna di essere vissuta’ differisce da persona a persona, ma essenzialmente si tratta di trovare il proprio percorso e valorizzare ogni singolo giorno.
Il mio percorso consiste nel viaggiare per il mondo, perseguendo e portando con me nuove idee e imprese impattanti nella vita di altre persone. il ‘tuo’ percorso può essere differente e altrettanto soddisfacente.
Durante l’ultimo anno dell’università ho deciso di condurre un esperimento: ho speso l’80% del mio tempo viaggiando per il mondo, studiando lingue e proponendo sessioni di coaching. Il tutto spendendo meno soldi di uno studente medio.

Come è stato possibile?

È stato un mix di: tagli nello stile di vita, buona pianificazione, leva sulle diverse valute monetarie, risparmio sulle cose poco importanti e… ‘abbracciando’ i rischi. La cosa più importante è che quella esperienza mi ha insegnato una lezione preziosa: ciò che molti considerano impossibile è pura percezione, non la realtà.
Credo che uno degli ingredienti del successo oggigiorno sia il coraggio di intraprendere azioni importanti e di pensare fuori dagli schemi. È una ricetta che genera molte storie di successo.

Quali sono stati i tuoi ‘turning points’ nella vita professionale? Anche a partire da insuccessi…

Penso immediatamente a due situazioni. All’ultimo anno di università ho partecipato a una gara nazionale per studenti apprendisti – 7 giorni di sfide ‘ad alta pressione’ tra cui lo sviluppo di un piano di business durante la notte e la sua relativa presentazione davanti a giudici e telecamere la mattina successiva.

Non dimenticherò mai il momento in cui ero seduto in una saletta in attesa del verdetto finale. La posta in gioco era altissima: una cena con top investors provenienti da importanti testate e 5.000 sterline! I secondi erano ore. Il cuore in gola. Venne il momento e lo sponsor principale del concorso annunciò: “And the winners is… Jimmy Naraine and his team!”

È stato davvero uno dei momenti migliori della mia vita. Successivamente, come leader del team, ho tenuto il ‘discorso del grazie’: ero davvero entusiasta.

Ciò che accadde più tardi mi ha servito una grande, e dolorosa, lezione. Dopo due ore di felicità e dolce consapevolezza della vittoria, l’organizzatore è venuto da noi: “Sono davvero dispiaciuto di dovervi dire questo. Ho commesso un errore di calcolo. Un altro team ha ottenuto un punto più di voi. Non avete vinto alcun premio.”
Ero in uno stato di shock, come puoi immaginare. Non potevo credere a ciò che stava accadendo. L’impatto su di me è stato doloroso, ma mi ha permesso di sviluppare una corazza che mi è servita nel futuro professionale.

Una lezione impagabile: non essere emotivo sulle occasioni perse, portano via la tua energia dalle cose che contano. Aspettati il meglio, ma prepara un piano per il peggio e se il peggio accade trattalo come una ‘tassa’ per una grande lezione: scegli te stesso, alzati e non perder tempo a piagnucolare e lamentarti. Peggiora solo la situazione. Meglio focalizzare la tua energia su nuove avventure, subito!

Il secondo punto di svolta è avvenuto mentre lavoravo in una banca di investimenti. Dopo diversi mesi il mio capo con un sorriso sfrontato mi disse “Il direttore globale di un altro dipartimento ha chiesto chi conosce l’XYZ funzione. Ho risposto: Jimmy è il tuo uomo. Vuole un incontro con te.” Ero stressato e non avevo idea di cosa fare in quella situazione. Poco prima dell’incontro mi sentivo ‘paralizzato’. Dopo tutto era un direttore globale, perché si è preso la briga di parlare con me?

Per farla breve, ho tenuto un training in video conferenza con lui e tutto è andato bene. Lezione importante: le persone ‘al top’ non sono molto diverse da me e te. Problemi, insicurezze, gelato preferito… Se li percepisci come delle specie di ‘dei’ perdi fiducia in te e metti una maschera che nasconde il vero te.

Se realizzi che sono ‘umani’ e abbracci i loro pensieri… non solo sarai più sicuro, scoprirai di più anche del tuo potenziale nascosto. Ecco, una grande lezione che ha impattato la mia mentalità.

Una terza svolta è avvenuta di recente. Quando ho pubblicato il mio primo prodotto online. Un video corso di 3 ore con contenuti su Confidence and Self Esteem (fiducia e stima in se stessi).

Fino a prima del lancio ho condotto sessioni di coaching attraverso la mia piattaforma online, ma non avevo mai venduto un videocorso professionale integrale. Dopo mesi di preparazione, ho finalmente premuto il tasto ‘magico’: pubblica!

Il corso è stato un gran successo: più di 1000 persone lo hanno acquistato solo nella prima settimana.

Ecco, questo è il ‘punto di non ritorno’. Ho realizzato l’immenso potere della formazione online. È incredibile quante vite si possono influenzare grazie a internet. Dopo il lancio il modello di business ha preso questa strada: nel 2014 il mio focus principale sarà sulla produzione di videocorsi e documentari. Spero che questa strategia mi permetta di avere un impatto su ancora più persone.

È cominciata la nuova avventura: COOLifeDesign. Me la racconti? Come vedi il tuo futuro?

Negli ultimi anni ho aiutato diverse persone con sedute di coaching e consigli personalizzati. A un certo punto ho realizzato che per impattare più persone dovevo dare una dimensione al mio lavoro.

La forte visione – di aiutare milioni di individui nel mondo – e raggiungere più pubblico nel modo più semplice era internet. Un canale YouTube era la prima pietra della mia nuova avventura. Da qui è nato COOLifeDesign.com. Si tratta di progettare la vita con passione ed entusiasmo. Che significa qualcosa di diverso per ogni singolo individuo. Per una persona può significare correre in Lamborghini su e giù per le coste italiane mentre ha un intenso business online a 7 cifre.
Per qualcun altro può significare vivere su un’isola con i propri cari, godendosi tramonti romantici grazie a un reddito ‘passivo’ che permette uno stile di vita molto confortevole.

Però, la maggior parte delle persone nella nostra società vive in catene, non vivendo la vita al massimo. Che si tratti di mancanza di denaro, scarsa fiducia sociale, paura di viaggiare, modelli di salute e comportamentali sconosciuti o distruttivi. La maggior parte di noi non sa come uscirne e sceglie di vivere una vita noiosa e insoddisfacente. I tempi, però, stanno cambiando. Possiamo scegliere di progettare il nostro modo di vivere. La tua vita non sarà grande a meno che tu non lo voglia. ‘Grande’ non significa avere una Maserati e una villa di 1.000 mq: significa avere una vita degna di essere vissuta e lasciare un segno nella società di oggi. Attraverso COOLifeDesign io e la mia squadra aiutiamo le persone a distruggere le loro convinzioni limitanti e creare vite appassionate, piene di entusiasmo, viaggi, abbondanza finanziaria, salute, energia e crescita continua.

Cosa suggeriresti ai tuoi coetanei per migliorare se stessi e raggiungere il loro personale successo?

Penso che la cosa più importante sia capire cosa vuoi raggiungere, vederlo con gli occhi della mente, e sviluppare un chiaro ed entusiasmante piano di azione.

Molte persone dimenticano che il tempo di ogni singolo giorno sprecato in qualcosa che in realtà non interessa loro… non tornerà mai più!

È spaventoso quante persone vivano per ottenere l’approvazione sociale, e non per la gioia di vivere. Non si dovrebbe mai lasciarsi trascinare dalle aspettative altrui, soprattutto quando non hanno niente a che fare con le cose di cui tu sei appassionato.
Credo che tutti dovrebbero prendersi un paio di giorni ‘off’ dalla vita quotidiana, per ripensare e riprogettare. Tante volte siamo presi dalla routine e ci dimentichiamo di ciò che realmente desideriamo. Un giorno rifletteremo: “Ho vissuto la mia vita meccanicamente. Che dire di tutti quei sogni, delle ispirazioni avute in passato?”. Non lasciate che accada. Non è mai troppo tardi per prendere il pieno controllo di ciò che si vuole raggiungere. Prendete un paio di giorni di riposo, idealmente andate in vacanza e riflettete profondamente su ciò volete veramente dalla vita. Immaginate che il fallimento non sia un’opzione e annotate tutto ciò che desiderate. Questi sono i vostri sogni! Ora è necessario trasferirli ‘in goal’, con scadenze.

La maggior parte delle persone ha solo sogni. Desiderano ottenere certe cose nella vita. Sperano che un giorno viaggeranno per il mondo, creeranno un business di successo o raggiungeranno un’ottima forma fisica. La verità è che nella maggior parte dei casi quel ‘giorno’ non arriverà. Invece, una volta che si arriva a una lista dei desideri… trasformarli in obiettivi, con scadenze precise. ‘Desiderare’ non basta. Come direbbe Napoleon Hill, è necessario sviluppare un ardente desiderio, l’ossessione per le cose che si desidera raggiungere. Fai dei tuoi obiettivi goal per cui vale la pena lottare. Il risultato finale dev’essere estremamente eccitante. Non è opzionale, è necessario. Pensare in grande e agire in grande.

Ogni mattina visualizza il risultato desiderato. Immagina come ti sentirai a raggiungere i tuoi obiettivi. Imposterà la tua mente verso il successo. Poi, chiediti: “Che cosa posso fare oggi per arrivare un po’ più vicino al mio obiettivo?”. Scrivilo su un pezzo di carta, tienilo in tasca e assicurati di averlo fatto prima di andare a dormire. Se lo fai ogni giorno avrai risultati enormi.

Note

Recentemente Jimmy ha pubblicato un videocorso online sulla fiducia e autostima su una delle più grandi piattaforme online, Udemy.com, descritto come uno dei migliori nuovi corsi di Udemy. Jimmy ha creato dei codici gratuiti per il corso (venduti normalmente a 39 dollari) esclusivamente per i primi 25 lettori di questo articolo. Codice gratis: ESTEVIP.

https://www.udemy.com/double-your-confidence-self-esteem/?couponCode=ESTEVIP

Alcuni dei piani di COOLifeDesign per il 2014, inoltre, includono riprese di video corsi e documentari in 25 nuovi Paesi e lezioni per imparare due nuove lingue.

- ha scritto 2 contributi su Bloom!.


© 2019 Bloom!. Powered by WordPress.

Made by TOCGRS from the great Daily Edition Theme