Contributi

Grazie per lo sciopero

di Bruno Bonsignore 23 marzo 2013

Ieri sciopero del trasporto pubblico nelle nostre città.
I 116mila autoferrotranvieri hanno deciso, dopo cinque anni di attesa, che fosse la volta buona per bloccare tutti. Ingredienti prescritti dalla ricetta sindacale:
-un bel venerdì, un classico. Il giorno ideale per indurre chi abita in città a fuggire in anticipo verso il mare e la montagna per evitare lo stess e i disagi della mancanza dei mezzi, alla faccia dei motivi degli scioperanti
-una crisi che fa paura. Gli effetti della mancanza di lavoro, quindi disoccupazione, quindi calo dei consumi e sfiducia generale  incominciano a mordere e al disagio si aggiunge la rabbia e la voglia di rivalsa.
-un governo in uscita. Traballante e coi giorni contati, chi dell’attuale Governo potrebbe sedersi al tavolo dei negoziati e cercare seriamente una soluzione a un problema strutturale di portata nazionale?
-nessuno in vista. La frammentazione politica creata dalle ultime elezioni non consente di fare previsioni, dunque al momento non c’è un interlocutore credibile. Manca la controparte.
Tuttavia lo sciopero ha avuto una buona percentuale di adesioni e così i sindacati si proclamano contenti.
Magari dovrebbero chiedere anche agli italiani se sono contenti e pronti a comprendere, in questa situazione, le cause della protesta.
La ragione, ancor prima di averla,  non la si dovrebbe usare per capire quando è il momento farla valere?

- ha scritto 11 contributi su Bloom!.

www.assoetica.it, http://www.doppiabi.com/

© 2018 Bloom!. Powered by WordPress.

Made by TOCGRS from the great Daily Edition Theme