Contributi, Musica

Sonate per violino n 1: Grumiaux ci propone opere del ‘600 di Leclair e Veracini

di Davide Storni 06 novembre 2016

Le sonate per violino sono tantissime, non c’è autore che non si sia misurato con questa forma espressiva, o quasi.

Arthur Grumiaux ( 21 March 1921 – 16 October 1986), uno dei grandi violinisti del ‘900, ci presenta una selezione di sonate di autori contemporanei, Jean Marie Leclair (Lione, 1697-1784), Francesco Maria Veracini (Firenze, 1690-1750), Antonio Vivaldi (Venezia, 1678-1741), Pietro Nardini (Montelupo Fiorentino o Livorno, 1722-1793) veramente molto riuscita. I pezzi sono tutti molto belli e l’album risulta bilanciato e piacevole. È uno degli album che ascolto più volentieri (Grumiaux edition vol 6 – Sonatas & solo works cd1).
In questa raccolta spicca la sonata n 3 op 1 di Veracini, in particolare il primo brano in cui il compositore mette qualcosa di diverso rispetto alle opere dei suoi contemporanei. L’inizio del ‘700 è un periodo di musica bella, piacevole, fruibile, come conferma la raccolta di Grumiaux. Nella sonata di Veracini però possiamo trovare una sorta di introspezione che anticipa di almeno un secolo l’evoluzione musicale. Come dice una mia amica “qui c’è dietro una storia”. Il Veracini sembra infatti ritirarsi in una riflessione molto personale e profonda, lasciando in secondo piano la ricerca di bellezza che accumuna le altre opere della raccolta.
Potete ascoltare le prime due opere del cd di Grumiaux a questo link.

Si inizia con i tre movimenti della sonata n 3 op 9 di Leclair per poi ascoltare la sonata di Veracini. L’ascolto in abbinamento delle due opere permette di cogliere il differente orientamento dei due autori.
Aggiungo che le altre opere presenti nell’album di Grumiax che possiedo sono, come impostazione, più simili alla sonata di Leclair, confermando una tendenza generale dalla quale solo il Veracini si discosta (e solo in questa opera, tornando ad uno stile più simile ai contemporanei nelle altre sue opere, almeno in quelle in mio possesso).

Nota: una registrazione di Grumiaux tratta dalle sonate e partite per violino solo di Bach, “Gavotte en rondeaux” dalla Partita No. 3, è inclusa nel Voyager Golden Record a bordo della navicella Voyager, come esempio della cultura sulla Terra.

Autore

- ha scritto 39 contributi su Bloom!.

Consulente e facilitatore, lavoro per primarie aziende del settore dei servizi. Socio fondatore di Bloom

© 2017 Bloom!. Powered by WordPress.

Made by TOCGRS from the great Daily Edition Theme