Contributi

Macchinetta? No, grazie.

di Marco Bruschi 29 Giugno 2015

Per La macchinetta del caffè – cultura aziendale in chicchi, ho ricevuto questo contributo, che vuole restare anonimo. E’ un anti-macchinetta in realtà, acuto e tagliente.

MACCHINETTA? NO, GRAZIE.

Anonimo

Io proprio non ce la faccio a sentire il richiamo della macchinetta. Intanto perché provo un estremo disgusto per quella brodaglia nera che spacciano per caffè, che se non ci metti una quantità industriale di zucchero nemmeno puoi provare ad assaggiarla. Poi perché non sopporto quel clima fraterno che si finge di voler instaurare quando ci si ritrova tutti lì davanti. Mi insulta la vista delle facce leggiadre e sorridenti di certi colleghi che fanno di tutto per farsi odiare quando stanno seduti alle loro scrivanie, o che stanno sempre zitti alle riunioni per non contrariare il capo, e che sperano di cavarsela mostrandosi amichevoli quando reggono il bicchiere di plastica in mano. No, grazie. La macchinetta non fa per me. Sono snob e asociale. Se ho dieci minuti di tempo, preferisco leggere qualcosa in Internet (ammesso che sia ancora possibile farlo senza essere licenziati) o peggio ancora chattare con qualche collega o amico fisicamente distante. O farmi il caffè in ufficio col bollitore personale, che mi dà l’illusione di trovarmi molto lontano da qui.

Autore

- ha scritto 25 contributi su Bloom!.

Laureato in Informatica Umanistica all'Università di Pisa, guarda le nuove tecnologie da un punto di vista sociologico, culturale e qualche volta letterario. Adora i vizi e non si fida di chi dice di non averne. - http://www.marcobruschi.net/ Twitter: @paroledipolvere

© 2020 Bloom!. Powered by WordPress.

Made by TOCGRS from the great Daily Edition Theme