Contributi

Poesia organizzativa: Sui tetti del direzionale

di Marco Bruschi 30 Giugno 2015

Per La macchinetta del caffè, ripropongo il contributo di Damiano Ceccarelli dal suo sito Web.

Perché, come mi ha scritto: “se alla macchinetta del caffè vanno tutti, dal dirigente odioso al dipendente pre-pensione sindacalizzato, nei luoghi del fumo accedono solo alcuni eletti. E’ un club peccaminoso ed inviso ai direttori del personale. Un dipartimento trasversale di imbucati che vivono ormai nascosti ed osteggiati. Ci si manda una riga di mail o su skype “sigaretta?” e ci si apparta sul tetto.”

SUI TETTI DEL DIREZIONALE

Damiano Ceccarelli

Sui tetti del Direzionale
c’è un mondo diverso, che è quasi Natale
guarda bene chi c’è nelle scale
così poi si urla si piange si può parlar male

C’è chi fuma due sigarette
due sono troppe e dice che smette.
Ma alla fine lo metti alle strette
anche lei, lo sapevo, ha rifatto le tette

Sui tetti del Direzionale
fumi, riscendi e sei giù di morale
“Ma rimettiti a posto quel nodo!”
Quest’anno mi lascio, mi sposo o cambio lavoro.

 

Autore

- ha scritto 25 contributi su Bloom!.

Laureato in Informatica Umanistica all'Università di Pisa, guarda le nuove tecnologie da un punto di vista sociologico, culturale e qualche volta letterario. Adora i vizi e non si fida di chi dice di non averne. - http://www.marcobruschi.net/ Twitter: @paroledipolvere

© 2020 Bloom!. Powered by WordPress.

Made by TOCGRS from the great Daily Edition Theme