Contributi

Solo di passaggio

di Marco Bruschi 25 Giugno 2015

Per La macchinetta del caffè – cultura aziendale in chicchi, Laura Landini ci ha mandato un cotributo interessante – e scritto anche molto bene.

Laura Landini

Promoter, 27 anni

 SOLO DI PASSAGGIO

Dieci minuti ogni due ore, solo dieci minuti fino alla pausa pranzo, per riposare.
Il compito di una promoter è molto semplice all’apparenza, ma stare in piedi sull’attenti, essere educata, sempre felice, ingessata possono risultare compiti faticosi. Tutto questo per otto ore al giorno, poi ci sono dieci minuti, dieci minuti di pausa ogni due ore, non importa per quale agenzia lavori, in quale supermercato ti trovi, quei minuti ti spettano e te li prendi.
Puoi disporre come vuoi di quel minimo tempo, potresti andartene in macchina a riposare, potresti chiamare qualcuno o messaggiare, ma no, alla fine lasci stare, preferisci sederti con le tue “colleghe” per uno spuntino, una bibita un caffè caldo.
Sai che sono tue colleghe perché vi muovete tutte alla solita ora, perché siete vestite tutte uguali, camicia bianca e giacca e pantaloni neri (al massimo una traligna con la gonna), perché andate nell’unico bar disponibile, quello più vicino al centro commerciare dove lavorate.
Non conosci bene nessuna di loro, nessuna di loro conosce te. Ogni volta vedi facce diverse e nomi diversi, non è importante impararli, tanto sono solo di passaggio.
C’è la promoter fissa che guarda le altre con aria di sufficienza, si finge gentile e disponibile ma è pronta a fare rapporto se per caso sbagli qualcosa o prolunghi la pausa. Di solito la riconosci perché sa tutto lei ed è lei la più esperta nelle vendite e a starla a sentire ha un’influenza fondamentale per le vendite del negozio. C’è la ragazza straniera, non parla bene l’italiano, ma è molto bella e questo basta, fa questo lavoro per necessità, ma lo fa bene, con passione. C’è la ragazza distratta e spazientita, che non vede l’ora di finire la giornata. C’è di tutto e di più, ma alla fine importa poco perché sono tutte di passaggio.
Sono ragazze simpatiche, aperte, lo devono essere per il lavoro che fanno. Prendono subito confidenza, è come se le conoscessi da anni, anche se non sai nulla di loro.
C’è poco tempo e bisogna rimediare, bisogna raccontarsi tutto in pochi minuti e se ce ne è una simpatica potresti rimediare anche un po’ di compagnia per la pausa pranzo. Per pochi minuti sono tue colleghe e questo conta. Se sei una buona osservatrice capisci alcuni tratti dei loro caratteri, capisci se sono veramente precisine o se dietro alla loro aria ingessata c’è uno spirito ribelle. Alcune  si mantengono impeccabili e ordinate, altre anche per poco si slacciano le camice e tolgono le scarpe, infine ci sono le pasticcione che lasciano cascare le briciole sulle loro divise.
Per dieci minuti soltanto potrai entrare a far parte del loro microcosmo di vite e loro entreranno in contatto con il tuo. C’è qualcuna che esagera sempre, che inventa nel raccontare di sé, ma per lei è un gioco come vendere e sa che tanto sei solo di passaggio.
La stessa persona con la quale hai passato il tuo prezioso tempo libero, potresti incontrarla in un altro giorno e in un altro supermercato, la stessa persona con la quale hai stabilito connessioni temporanee, potresti rivederla poco dopo e realizzare che per te si tratta di un’estranea.
Potresti evitare tutto ciò, potresti fare i fatti tuoi e isolarti da quelle che per poco saranno le tue colleghe. Potresti stare in un angolo in silenzio, visto che dovrai parlare e sorridere tutto il giorno, ma in fondo a buttarti che ci perdi? Le relazioni sono un gioco divertente quanto necessario e, se per caso qualcosa va male, se per caso qualcuna di loro è scortese e non ti senti a tuo agio, non importa, tanto sei solo di passaggio.

 

Autore

- ha scritto 25 contributi su Bloom!.

Laureato in Informatica Umanistica all'Università di Pisa, guarda le nuove tecnologie da un punto di vista sociologico, culturale e qualche volta letterario. Adora i vizi e non si fida di chi dice di non averne. - http://www.marcobruschi.net/ Twitter: @paroledipolvere

© 2020 Bloom!. Powered by WordPress.

Made by TOCGRS from the great Daily Edition Theme